RECENSIONE DI SMOKIN’ PARADE

In Manga e Anime, Ste by scheggedivetro

Condividi:
Share

Dopo la pubblicazione dei primi capitoli mi sento libero di dare un primo parere su Smokin’ Parade, nuovo manga ideato dal team autore, in precedenza, di Deadman Wonderland.

L’ambientazione del nuovo manga di Kataoka(disegni) e Kondo(storia), pur mantedendo un tono dark e macabro, si discosta dalla precedente, abbracciando uno stile steampunk e fantascientifico.

La storia segue il 15esimo compleanno di Kakujou Youkuo in un mondo apparentemente normale in cui la medicina è talmente sviluppata da poter sostituire ormai ogni organo umano. Tutto ciò è possibile grazie agli “Uccelli della pioggia”. Questo, però, si rivela essere un complotto contro l’umanità in cui la nuova tecnologia può prendere il controllo del suo ospite e renderlo una macchina per uccidere.

Dal punto di vista tecnico il manga è ben fatto, disegni spigolosi e dinamici, un buon gioco di chiaro scuro per sottolineare la cupezza dell’ambiente, anche se si può ricercare una maggiore precisione durante le scene d’azione, alle volte confuse. I personaggi sembrano essere molto interessanti, sia per le loro personalità, sia per il loro background all’interno della storia e, con una trama ancora da scoprire, ci si aspetta solo cose positive da quest’opera che raccoglie l’eredità di Deadman Wonderland.

‘The World Is Dead, The Parade Will Start’

‘The World Is Dead, The Parade Will Start’