Febbraio 2017 al Cinema

In Cinema, Prossimamente al Cinema, Tomàs Avila by scheggedivetro

Condividi:
Share

SMETTO QUANDO VOGLIO MASTERCLASS (2 febbraio)

smetto quando voglio masterclassSequel di Smetto quando voglio, commedia di Sydney Sibilia che aveva sorpreso nel 2014 portando qualcosa di nuovo nel panorama piuttosto arido della commedia italiana. Con una buona idea alla base (che ricordava Breaking Bad), un cast azzeccato e una comicità non basata sulla sola volgarità in stile cinepanettone, il primo film della serie era stato una bella sorpresa.
Nel 2017 torna la banda per una nuova avventura. Dal trailer sembrano mantenute le caratteristiche che avevano reso piacevole il primo. È già previsto un terzo episodio per l’anno prossimo.

 

 

 

LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE (2 febbraio)

hacksaw ridgeIl ritorno dietro alla macchina da presa di Mel Gibson, attore/regista che tutti conoscono e che negli ultimi anni è stato sotto i riflettori dei giornalisti per la sua travagliata vita privata, tra denunce per maltrattamenti, problemi con la polizia e alcolismo.
Anche dal punto di vista cinematografico Gibson non ha avuto una vita semplice. Molti dei suoi film sono stati criticati aspramente se non demoliti, specialmente La passione di Cristo che ha fatto scandalo nel 2004.
Nonostante tutto Gibson, a dieci anni dal ultimo film Apocalypto, si è rialzato e ha girato questo La battaglia di Hacksaw Ridge, un film di guerra che sembra promettere molto bene e che ha raccolto diversi pareri entusiastici tra chi ha potuto vederlo in anteprima o ai vari festival.
Candidato a 6 oscar, tra i quali quello per il miglior film e la miglior regia. Si sa che a quelli dell’Academy piacciono le storie di redenzione quindi è possibile che se ne sentirà parlare alle premiazioni.

 

 

MANCHESTER BY THE SEA (16 febbraio)

manchester by the seaUn altro film che ha fatto incetta di nomination: ben 6 candidature, tra le quali quelle per miglior film e miglior regia. Terzo film per il regista Kenneth Lonergan (tra le altre cose sceneggiatore di Gangs of New York) che punta tutto sull’interpretazione di Casey Affleck. Non è certo uno dei film che attendiamo di più ma chi fosse interessato alle pellicole che parteciperanno alla prossima cerimonia degli oscar, dovrà per forza vederlo.

 

 

 

 

JACKIE (23 febbraio)

JackieIl nuovo film di Pablo Larrain, regista cileno che ha fatto molto parlare di sé l’anno passato con ben due film: El Club e Neruda. Jackie è il suo primo film americano e racconta la storia della first lady Jackie Kennedy dopo l’assassinio del marito.
Con una filmografia fantastica alle spalle, sarà interessante vedere come se la caverà Larrain nel gestire un film americano (in realtà co-produzione USA-Cile) con un cast di nomi importanti, tra i quali spicca quello di Natalie Portman, possibile vincitrice dell’oscar 2017 per la migliore attrice.
Si spera che con Jackie venga data ancora più visibilità al talentuoso Larrain e che non si perda nei meandri della macchina hollywoodiana. Speriamo insomma che succeda ciò che è accaduto con Villeneuve.

 

 

 

THE GREAT WALL (23 febbraio)

La grande muragliaCo-produzione cino-americana dal budget di 135 milioni di dollari, The Great Wall è il film cinese più costoso di sempre.
Diretto da Zhang Yimow, famoso per film come Hero, La foresta dei pugnali volanti e La città proibita, con un cast che comprende attori americani (come Matt Damon e Willem Dafoe) e cinesi (come Andy Lau), The Great Wall promette di essere un film d’avventura spettacolare ispirato alla costruzione della Grande muraglia cinese.
La cosa più interessante, al di là della storia, è il fatto che il film sia co-prodotto da Cina e America, cosa che non sorprende visto il successo che i precedenti film del regista avevano avuto in occidente.

 

 

 

TRAINSPOTTING 2 (23 febbraio)

Trainspotting 2Un film che praticamente non ha bisogno di presentazioni. Danny Boyle dirige, dopo lo splendido Steve Jobs, il sequel del film che lo ha reso famoso in tutto il mondo nel 1996: Trainspotting.
Girare il sequel di un film di culto non è mai facile ma c’è da dire che in questo caso si dovrebbe trattare della trasposizione di Porno, il romanzo scritto da Irvine Welsh nel 1996 come seguito dell’omonimo romanzo da cui era stato tratto Trainspotting.
Il cast torna al completo, Boyle è un grande regista e il trailer rilasciato lascia sperare in bene.
Non c’è bisogno di aggiungere altro.

 

 

 

BARRIERE (23 febbraio)

BarriereCandidato a quattro oscar, Barriere è il terzo film che vede Denzel Washington in qualità di regista (oltre che di protagonista). Washington è un attore fantastico che abbiamo imparato a conoscere sia nei film d’azione di Tony Scott e Antoine Fuqua, sia in ruoli più seri ad esempio nei film di Ridley Scott (American Gangster è una pellicola da riscoprire) e in quelli di Spike Lee. Ha partecipato ha diversi film impegnati socialmente, specialmente interessata alla questione degli afroamericani (non a caso ho parlato di Spike Lee). Barriere si inserisce nella seconda tipologia di film descritti prima, raccontando la storia di un netturbino di Pittsburgh che combatte contro alle ingiustizie sociali.
Ha ricevuto quattro candidature agli oscar 2017, tra le quali quella per il miglior attore a Denzel Washington e quella per il miglior film.